Istituti Secolari Carmelitani

Jan Vermeer, Cristo in casa di Marta e Maria (1654)

Unione Carmelitana Teresiana

Jan Vermeer, Cristo in casa di Marta e Maria (1654)

Un Istituto femminile germogliato nel giardino del Carmelo, lo affianca per le vie del mondo. L’U.C.T., nato a Capannoni (Lucca) nel 1947 per opera di padre Luigi dell’Immacolata, ocd, è presente anche in Sicilia, oltre che in altre regioni d’Italia e all’estero. Il suo fondatore diceva: «L’ UCT è chiamata ad essere messaggera dello spirito teresiano anche dove il Carmelo difficilmente potrebbe arrivare».

L’U.C.T. è un:
Istituto Secolare: opera nella vita sociale, per animare dal di dentro le realtà temporali, orientandole a Dio;
Carmelitano Teresiano: vive profondamente gli ideali di intima unione con Dio e di amore alla Chiesa per poter dire soprattutto con la vita, che il Signore è l’unico bene necessario per l’uomo;
A sostegno del Sacerdote: collabora attivamente con il Carmelo e con i Sacerdoti in genere, alla cui missione lega la propria vocazione nel servizio di Cristo e della sua Chiesa.

Per saperne di più:
Unione Carmelitana Teresiana – Via della Madonna, 53 – 55012 Capannoni (Lucca) Tel. /Fax: 0583 935921
Oppure: Via Filippo Bernardini, 15/7 – 00165 Roma – Tel. 06 631902
Oppure: Tel. 095 991130

Grazie Signore, per la rinnovazione dei miei voti. La mia storia, vivificata dall’amorosa Tua Presenza e da quella materna di Maria, è legata alla storia di questa Casa di preghiera di Monte Carmelo operante sia a Carlentini che a Villasmundo, frazione del comune di Melilli. Il tuo Spirito Santo, con mio grande stupore, ha compiuto silenziosamente grandi cose: oggi questa casa è sede di Noviziato e, nel tuo Disegno, fontana di spiritualità per la Diocesi prima e per la Sicilia adesso.
L’U.C.T., come Maria, accompagna il Carmelo Teresiano e così raggiunge meglio il suo compito nel mondo. Santo Spirito. rendici sempre più presenze limpide, oranti, immerse in questo mondo che Gesù stesso ci ha insegnato ad amare, non separate, ma immerse in esso come fermento. A noi non è preclusa la tentazione che fu di Gesù morente in croce: “Se tu sei il Figlio di Dio scendi dalla Croce e ti crederemo”. Grazie, Gesù, per la Tua fedeltà: la Tua Croce è luce e speranza; è vita e forza che ci avvolge e ci fa ascendere, coinvolgendo in questa ascesa altri fratelli.
Grazie per questo nostro amore sponsale, materno e filiale. Grazie per i tuoi Frati, per gli studenti, per i novizi e postulanti, per quanti nella tua Divina Misericordia, continuerai a chiamare, affinché la Tua Presenza Eucaristica non venga mai meno alla Tua Chiesa, locale ed universale.

Lucia Monaco

Il Cenacolo Carmelitano

«Accoglie quelle sorelle che, chiamate alla vita consacrata, vivendo nel mondo, tendono alla perfezione della carità, si impegnano per la santificazione del mondo, soprattutto operando all’interno di esso». Lo stile e gli ideali sono quelli tipici del Carmelo Teresiano, incarnati nella vocazione secolare.

Notizie Storiche
Il 13 aprile 1975, dal Vescovo di Brescia Mons. Luigi Morstabilini, viene approvato – come Pia Unione – il Cenacolo Carmelitano, Associazione femminile di perfezione evangelica nel mondo, ispirata al Carmelo. L’istituzione ha alle spalle una tradizione lunga un secolo: risale alla primitiva congregazione del Terzo Ordine Carmelitano, sorta in San Pietro in Castello (Brescia) nel 1875 e sviluppatasi sotto la direzione di Elisabetta Senesi (1867-1932). A lei si deve una prima realizzazione dell’intuizione di vivere “Il Carmelo nel mondo”.

Il Disegno di Dio
Con la Costituzione “Provvida Mater” del 2 febbraio del 1947, la Congregazione, rinnovata nelle componenti e nel nome, riflettendo sulla propria natura, scopre una nuova identità; per la completa professione dei Consigli evangelici e per gli impegni di vita interiore e di apostolato, si riconosce nella figura degli Istituti Secolari.
Il riconoscimento del Cenacolo Carmelitano come Pia Unione è il primo passo di un cammino che l’amorevole volontà di Dio traccerà attraverso la fedeltà e la sapiente inventiva delle sorelle. La Pia Unione viene impiantata nella Diocesi di Ragusa (Sicilia), dove, per la Grazia di Dio e la fermezza di pochi primi Membri che ne fanno parte, fruttifica, suscitando nuove vocazioni e offrendo una presenza sempre più significativa nel contesto ecclesiale e sociale.
Dopo più di un ventennio di impegno e di fedeltà delle Carmelitane Secolari, l’Ordinario della Diocesi, Mons. Angelo Rizzo, su istanza delle stesse, il 16 luglio 1998, Solennità della Beata Vergine Maria del Monte Carmelo, emana la Lettera-Decreto con la quale erige il Cenacolo Carmelitano Istituto Secolare di Diritto Diocesano, «per promuovere tra i fedeli laici la santità, alimentandosi allo spirito dell’Ordine Carmelitano».

Vocazione e Missione
Il Cenacolo Carmelitano collabora all’animazione cristiana del mondo. Vi può aderire chi si sente vitalmente interessata a seguire Cristo secondo la spiritualità carmelitana e, in questo, desidera potersi confrontare con persone che nutrono gli stessi ideali (St. Art. 2). I voti di castità, povertà, obbedienza. percepiti come dono di Dio (L.G. 43), sono il modo concreto di mettersi alla sequela di Cristo. Ai voti fanno corona altri elementi essenziali: la vita di orazione, la vita mariana, la vita di mortificazione e comunitaria, l’apostolato. Dallo Statuto traspaiono i lineamenti del mistero di Cristo nel mondo di oggi: essere segno della presenza del mistero di Cristo nel mondo di oggi; vivere la Chiesa come presenza del Regno e sacramento dell’incontro con Cristo; ispirarsi profondamente all’ideale contemplativo del Carmelo; testimoniare l’amore di Cristo e la passione per la Chiesa nell’ambiente secolare.

Perché amo il Cenacolo Carmelitano
Sognavo una comunità che mettesse al primo posto l’essenziale, i valori autentici, l’unione fraterna; una comunità dove fosse possibile condividere esperienze di vita, amicizia, amore per la verità.
Per quali vie misteriose sono pervenuta al Cenacolo Carmelitano? Era la Fraternità che cercavo: la spiritualità e lo stile di vita corrispondono alle mie aspirazioni.
Nella Fraternità del Cenacolo Carmelitano tutto si svolge in un clima di serena accoglienza, tutto è semplice: il momento di spiritualità, la conversazione, il pranzo, la pausa ricreativa.
Tutto è buono, tutto è vero. Ogni incontro, ogni ritiro spirituale è un piccolo passo verso i fratelli e un nuovo slancio verso Dio. Le meditazioni delicate e profonde, ci arricchiscono di sapienza divina, ci nutrono e diventano forza vitale.
Nel Cenacolo Carmelitano, ho riscoperto l’amore per il prossimo, ho riscoperto il Signore.

Maria

Per saperne di più:
Ragusa: Tel. 0932 623217 / 0932 865256 / cell. 338 2038639 –
Marcella Scrofani 0932 865256 / 338 203 8639
Brescia: Tel. 030 3752400